Cambiamento climatico: come fare vacanze all’insegna del turismo sostenibile

10, Ago 2023 | Efficienza energetica, NEWS DAL MONDO SUNCITY

Tempo di lettura:

Come fare vacanze all’insegna del turismo sostenibile? Le ferie estive 2023 stanno subendo l’influenza del cambiamento climatico in atto con gli effetti devastanti degli eventi meteoclimatici estremi che si abbattono principalmente sul litorale marino. Assistiamo così sempre più frequentemente a scene disastrose con trombe d’aria che fanno volare sdraio e ombrelloni, grandinate, incendi mareggiate che accentuano i fenomeni di erosione costiera, alluvioni con fiumi di fango che sfociano in mare trascinando auto e, ahimè, spesso anche vite umane.

Dall’altra parte assistiamo al fenomeno dell’overtourism, ovvero il troppo pieno, quell’eccesso di presenze turistiche che rischia di travolgere e sfregiare la bellezza dei luoghi e delle comunità che li abitano che spesso si unisce alla mancanza di rispetto per i luoghi che si visitano. Sempre più persone si impegnano per essere sostenibili a casa propria, (leggi qui il nostro approfondimento Tutti i consigli per risparmiare energia, abbassare la bolletta e fare bene all’ambientema cosa succede poi quando si va in vacanza? Ci si ritrova in un ambiente in cui si è solo ospiti, si cambiano le abitudini, ci si lascia andare e a volte si dimenticano quelle buone regole che si seguono a casa. Ma se si riesce a essere sostenibili tra le mura domestiche, perché non provarci anche mentre siete in vacanza?

Ecco i nostri consigli per una vacanza sostenibile che aiuti l’ecosistema: si tratta solo di piccoli accorgimenti che se tutti seguissimo garantirebbero una migliore salute al pianeta. Questo perché le cattive abitudini seguite durante le vacanze possono avere conseguenze per molto, moltissimo tempo. Potremo così proteggere la delicatezza dei nostri litorali, territori fragili e terribilmente esposti agli effetti del cambiamento climatico che, proprio per questo, avrebbero bisogno di ben altre cure,

Come rispettare le spiagge e l’ambiente

Evitare troppi rifiuti

Bottiglie d’acqua, snack preconfezionati del buffet, opuscoli e volantini, sacchetti di plastica per piccoli souvenir – in vacanza è facile accumulare un sacco di rifiuti. Con alcuni consigli e trucchi, tuttavia, questo spreco inutile può essere evitato. Ci sono infatti molte alternative sostenibili per la maggior parte dei prodotti usa e getta quando si viaggia:

Contenitori riutilizzabili: se volete portare con voi un panino o uno snack da mangiare in spiaggia non imballatelo in metri di plastica, scegliete piuttosto dei contenitori che potete lavare e riutilizzare più volte;

Borraccia termica: lo stesso ragionamento vale per l’acqua, non acquistate bottigliette su bottigliette che creano soltanto rifiuti, scegliete piuttosto una bella borraccia capiente che non solo vi aiuta a portare l’acqua con voi ma anche a mantenerla fresca per tutta la giornata. In molte località, si può bere l’acqua del rubinetto senza problemi. Tuttavia, è meglio informarsi sulla qualità dell’acqua potabile del posto. Se l’acqua del rubinetto non è potabile, comprate acqua in bottiglie o taniche il più grandi possibile e poi riempite man mano la borraccia. In questo modo si riducono i rifiuti che verrebbero creati da numerose bottigliette di plastica.

Usate le borse di tela: mettete in valigia alcune borse di tela per la spesa per poter fare acquisti senza preoccupazioni. I piccoli souvenir vengono solitamente messi in sacchetti di plastica in molti paesi. Rifiutateli educatamente e usate invece le borse che avete portato con voi

Sfruttate il digitale. Mappe, volantini e opuscoli che si portano in vacanza per abitudine, il più delle volte non vengono nemmeno usati. È possibile sostituire le mappe cartacee della regione o della città con guide di viaggio e mappe digitali. Questo può farvi risparmiare molto spreco di carta.

Non disperdete rifiuti o mozziconi: potreste aver voglia di un gelato o di una granita dal bar e va benissimo, ma quando avete finito ricordatevi di gettare tutto nel cestino dei rifiuti e di non dimenticatevi residui sulla spiaggia, lo stesso vale per i mozziconi di sigaretta;

Utilizzate una crema solare non tossica: nel momento in cui fai il bagno la crema solare si disperde nell’acqua, ecco perché dovreste scegliere una crema a base naturale o comunque che non contenga sostanze chimiche (è anche più sicura per la pelle);

Raccogliete almeno 5 rifiuti: i mari e le coste sono inquinati dalla plastica e da altri rifiuti, oltre a non crearne di nuovi potreste aiutare il pianeta raccogliendo quelli in cui vi imbattete in spiaggia; potete partecipare a giornate di raccolta se volete vivere un’esperienza nuova o più semplicemente ripulire la zona attorno al vostro ombrellone prima di andare via.

Altri consigli per un turismo sostenibile sono:

Usate mezzi sostenibili

Quando si va in vacanza in un posto nuovo, si vuole naturalmente esplorare e sperimentare il più possibile e approfittare al massimo del proprio tempo in quel luogo. Pertanto, è consigliabile utilizzare mezzi di trasporto più sostenibili non solo per arrivare, ma anche per spostarsi una volta già a destinazione. Per spostarsi tra posti lontani fra loro è meglio usare i mezzi pubblici come gli autobus, i tram o i treni. Se un po’ di movimento fisico non vi spaventa, potete anche noleggiare una bicicletta sul posto. In questo modo potete davvero andare in giro senza emissioni durante la vostra vacanza sostenibile. Se volete percorrere distanze più lunghe in bicicletta, sicuramente affittare una e-bike sarà un’ottima scelta.

Gli itinerari in bicicletta sono diventati un must del turismo responsabile, perché l’utilizzo del trasporto non motorizzato è fondamentale per ridurre le emissioni di CO2.Per chi ama il turismo attivo, slow ed ecosostenibile, in effetti, non esiste mezzo migliore della bicicletta per esplorare in libertà nuovi territori. Le zone circostanti il mare, inoltre, sono perfette per spostarsi pedalando e ci si diverte senza troppa fatica grazie ai sentieri pianeggianti.

Collezionate esperienze e fate sport all’aperto

Una volta che avete con voi tutto l’occorrente per le vacanze non vi serve altro, invece di acquistare altre cose superflue che presto o tardi diventeranno rifiuti dovreste collezionare esperienze, perché quelle sono le uniche cose che vi arricchiscono per tutta la vita;

Le attività all’aperto sono perfette per esplorare una nuova regione e vivere la natura del posto a 360 gradi. Che facciate una semplice passeggiata per scoprire le bellezze della località o pianifichiate una vera e propria escursione più impegnativa, dipende naturalmente da voi. Ma anche con gli sport all’aperto, ci sono alcuni aspetti da considerare per rispettare l’ambiente:

Impegnatevi in attività sportive rispettose dell’ambiente: se volete provare gli sport acquatici, pianificate una gita in canoa o in kayak piuttosto che lo sci d’acqua.

Le escursioni guidate sono consigliabili per evitare di perdersi in posti sconosciuti. Durante queste attività potete inoltre imparare molto sull’ambiente naturale e sull’ecosistema locale.

Sostenete i commercianti locali

Una vacanza sostenibile non si concentra esclusivamente sulla protezione del clima e dell’ambiente, ma include anche fattori economici e sociali. Questo significa, tra l’altro, che il turismo porta benefici economici alla popolazione locale e ha un impatto positivo sulla loro società. In questo modo non solo avrete un’esperienza più autentica, ma sosterrete anche l’economia locale. 

Alloggiate in piccoli hotel e pensioni gestiti dai proprietari. Le strutture più piccole sono spesso più radicate nell’economia e nella cultura locale: spesso si riforniscono da altri commercianti locali, raccomandano fornitori di servizi della regione (per esempio guide locali) e impiegano principalmente personale del posto.

Se andate a mangiare nei ristoranti locali invece che nelle catene famose in tutto il mondo, potete anche scoprire le prelibatezze del posto che possono rendere la vostra vacanza unica anche dal punto di vista gastronomico.

Qua­li sou­ve­nir acquistare sen­za pre­occu­pa­zio­ni?

Se proprio desiderate comprare un ricordo da portare a casa, per agire in modo più sostenibile nell’acquisto di souvenir, potete seguire questi consigli:

Acquistate prodotti locali e fatti a mano: sono spesso souvenir migliori rispetto agli oggetti puramente decorativi. Che si tratti di piatti in ceramica dipinti a mano o di ciotole in legno certificato FSC, gli oggetti utili fatti a mano rimarranno con voi per molto tempo e tv ricorderanno il viaggio ogni volta che li userete.

I souvenir gastronomici tipici del luogo, per esempio spezie, olio, frutta e verdura secca o in salamoia, dolci o vino locali sono anche adatti come souvenir sostenibili.

I prodotti cosmetici naturali con ingredienti attivi che sono coltivati o prodotti nella località di vacanza sono anche un’ottima idea per un souvenir. L’ideale sarebbe scegliere prodotti biologici e comprare da produttori regionali.

Rispettate la cultura locale

È meglio conoscere le usanze locali prima di viaggiare e, poi, rispettarle quando si è lì. Un comportamento sensibile e rispettoso è particolarmente importante quando si visitano luoghi sacri come chiese e cattedrali, moschee, templi, santuari o monasteri.

Lasciate la natura come l’avete trovata: non rimuovete piante, conchiglie, pietre, sabbia o simili e non lasciate rifiuti.

Tu­ri­smo so­ste­ni­bi­le: atten­zio­ne al ri­spar­mio di ac­qua ed ener­gia

Un principio importante per trascorrere una vacanza sostenibile all’insegna del risparmio di acqua ed energia è comportarsi esattamente come si fa a casa propria. Anche se in un hotel non vi arriverà la bolletta dell’acqua e dell’elettricità e nelle case vacanza di solito si paga solo una tariffa fissa per le utenze, è comunque consigliabile usare queste risorse con parsimonia per non inquinare troppo l’ambiente. Dovreste quindi tenere a mente questi consigli:

Preferire la doccia al bagno. Cercate di limitare il tempo passato sotto la doccia a pochi minuti e chiudete il rubinetto quando vi insaponate o vi lavate i denti).

Usate gli asciugamani per più giorni, prima di lavarli o farli lavare.

Cercate di usare i condizionatori in modo intelligente. Accendeteli solo quando ne avete veramente bisogno. Soprattutto con i condizionatori, ricordatevi di spegnerli prima di lasciare la stanza o l’alloggio.

Quando pianificate la vostra vacanza sostenibile, cercate di capire se nella destinazione scelta c’è scarsità d’acqua. Le attrazioni turistiche locali possono spesso esacerbare questi problemi, poiché gli hotel all-inclusive, i parchi acquatici o i campi da golf richiedono molta acqua per mantenere le strutture e soddisfare gli ospiti. In tal caso, meglio scegliere un’altra destinazione di vacanza.

Legambiente, ha stilato una guida alle migliori località costiere di mare e di lago, insieme a Touring Club Italiano, che raccoglie fra le tante proposte della nostra penisola, quelle più rispettose dell’ambiente e di tutti i suoi abitanti. La guida passa in rassegna oltre 400 comuni costieri italiani premiando con il massimo riconoscimento, le Cinque Vele, quanti hanno saputo coniugare al meglio territori e luoghi d’eccellenza con coraggiose e innovative strategie di sviluppo sostenibili.

Sono davvero tanti dunque gli spunti per trascorrere delle vacanze intense pur nel rispetto dell’ambiente, ma senza creare un forte impatto nel luogo in cui deciderete di trascorrerle.

© Riproduzione riservata

Per non perderti i prossimi articoli Iscriviti alla nostra newsletter!

Gratuito e senza impegno, ti cancelli quando vuoi.

Newsletter semplice
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
Carica altro