pannelli solari
Un cantiere Suncity per il Superbonus

Con il Superbonus 110% è possibile svolgere più interventi in uno stesso immobile. Ma come calcolare la spesa massima per cui si può beneficiare della detrazione?

Gli interventi che beneficiano del Superbonus si distinguono in trainanti o trainati. Per ciascuno di essi è stato fissato un limite massimo di spesa. Se, però, si procede con molteplici interventi nella stessa unità abitativa, i massimali di spesa si sommano.

In particolare, nella guida al Superbonus 110% dell’Agenzia delle Entrate sono riportate le tabelle sui limiti massimi di spesa per ciascun intervento.

Scopriamoli insieme.

I limiti di spesa per gli interventi trainanti

Iniziamo con limiti massimi di spesa per gli interventi trainanti. Quelli, cioè, indispensabili per usufruire del Superbonus.

Isolamento termico

  • 50.000 euro, per edifici unifamiliari o unità immobiliari funzionalmente indipendenti;
  • 40.000 euro, per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari. L’importo deve essere moltiplicato per il numero di unità;
  • 30.000 euro, per gli edifici che superano le otto unità. Anche in questo caso, l’importo sarà moltiplicato per il numero delle unità immobiliari.

Sostituzione degli impianti di climatizzazione

  • 30.000 euro, per edifici unifamiliari o unità immobiliari funzionalmente indipendenti;
  • 20.000 euro, per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari. L’importo deve essere moltiplicato per il numero di unità che compongono il condominio;
  • 15.000 euro, per gli edifici che superano le otto unità. Da moltiplicare per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

Adeguamento antisismico dell’edificio

  • 96.000 euro, per unità immobiliare per ciascun anno. In questo caso, i limiti di spesa sono stabiliti dal Sismabonus. Analogamente a quanto previsto per il Superbonus, l’Agenzia delle Entrate ha creato una guida sulle detrazioni per gli interventi antisismici.

I limiti di spesa per gli interventi trainati

Passiamo ora ad analizzare i massimali previsti per gli interventi trainati. Si tratta, cioè, di quegli interventi che possono usufruire del Superbonus solo se realizzati insieme a uno degli interventi trainanti.

Installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica

  • 48.000 euro come limite complessivo e comunque per un massimo di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale.

Installazione di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati

  • 48.000 euro limite complessivo. Limite massimo di 1.000 euro per ogni kWh di capacità di accumulo del sistema e di 2.400 euro per ogni kW della potenza nominale dell’impianto.

Installazione di infrastutture per la ricarica dei veicoli elettrici

  • 2.000 euro, per gli edifici unifamiliari o le unità funzionalmente indipendenti con accesso autonomo;
  • 1.500 euro, per gli edifici plurifamiliari che installano un massimo di 8 colonnine. L’ammontare deve essere moltiplicato per il numero di colonnine installato;
  • 1.000 euro, per gli edifici plurifamiliari che installano un numero superiore a 8 colonnine. Allo stesso modo del caso precedente, l’ammontare deve essere moltiplicato per il numero di colonnine installato.

I massimali per più interventi

Per concludere, se si vuole procedere con più interventi, la spesa massima sarà pari alla somma dei massimali dei singoli interventi.

Ad esempio, in un immobile unifamiliare si vuole sostituire l’impianto di climatizzazione (intervento trainante). Si vuole, inoltre, procedere all’installazione di un impianto fotovoltaico (evento trainato) di 2 kW. Quindi, i massimali per singolo intervento saranno: 30.000 euro per il primo e 4.800 euro (2400 per kW) per il secondo. Il limite di spesa complessivo, pertanto, sarà pari a 34.800 euro.