Comunità energetiche rinnovabili (CER): i modelli e gli incentivi

19, Giu 2023 | Efficienza energetica, NEWS DAL MONDO SUNCITY

Tempo di lettura:

Quando parliamo di Comunità Energetiche Rinnovabili, ci riferiamo a associazioni di enti privati come abitazioni, attività commerciali, PMI, e pubblici che hanno come fine la costruzione di sistemi virtuosi di produzione, autoconsumo e condivisione dell’energia proveniente da fonti rinnovabili da utilizzare per il proprio consumo. Un modello di energy sharing collaborativa che incentiva l’indipendenza energetica dal sistema elettrico nazionale.

Grazie a fattori sociopolitici, ambientali ed energetici, il mercato delle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) ha vissuto un’impennata vertiginosa che ha portato gli esperti del settore a sperare in un futuro più greenAttualmente, in Italia ci sono 86 comunità energetiche, di cui solo 30 sono attive, mentre nel resto d’Europa siamo già a 9mila.

Uno studio del Politecnico di Milano ha, infatti, stimato che in poco meno di 5 anni saranno circa 40.000 le CER attive sul territorio italiano, le quali coinvolgeranno 1,2 milioni di famiglie, 200 mila uffici e 10 mila PMI.

Una rivoluzione energetica che è appena iniziata e che si estenderà in tutta Europa dove, entro il 2050, saranno 264 milioni i cittadini che si uniranno al mercato delle Comunità Energetiche Rinnovabili, generando il 45% dell’elettricità complessiva della Comunità Europea.

Ma quali sono i modelli di CER e quali gli incentivi per le Comunità energetiche Rinnovabili? Leggi qui il nostro approfondimento CER: il Vademecum degli incentivi per le comunità energetiche rinnovabili

Come si costituiscono le Comunità Energetiche Rinnovabili?

Per costituire una CER, è per prima cosa necessario che tutti i partecipanti siano sotto la stessa cabina primaria di distribuzione. Sarebbe impossibile, infatti, condividere l’energia qualora questo requisito non fosse soddisfatto. Successivamente deve essere costituito un soggetto giuridico che, non potendo trarre nessun profitto dall’organizzazione, spesso si presenta sotto forma di associazione non riconosciuta o di cooperativa.

Ciò che è importante sapere è che tutti gli associati (privati, uffici pubblici, PMI, ecc) che vi partecipano, mantengono i loro diritti di clienti finali, compreso quello della scelta del fornitore di energia elettrica e hanno la facoltà di uscire dalla comunità quando lo desiderano.

Affinché la costituzione avvenga con successo, è necessario fare una importante distinzione fra prosumer e consumer:

  • Prosumer: coloro che possiedono un impianto fotovoltaico messo a disposizione della comunità energetica, che producono energia per sé stessi e per i componenti della CER. Essi beneficiano di un elevato autoconsumo e di contributi economici ricevuti dai consumer.
  • Consumer: coloro che non possiedono un impianto fotovoltaico, ma beneficiano dell’energia condivisa a un prezzo inferiore rispetto al sistema elettrico nazionale

I Modelli di Comunità energetiche rinnovabili 

I due modelli sono:

a) Autoconsumo Collettivo: gruppi di auto consumatori di energia rinnovabile, che agiscono collettivamente. Si intendono clienti finali che operano su siti propri, vicini ai luoghi di consumo, che producono, immagazzinano e vendono energia elettrica autoprodotta con metodi rinnovabili. Tali attività non devono costituire l’attività prevalente; Rientrano in questo modello i Condomini.

b) Comunità di energia rinnovabile: una libera associazione, i cui azionisti o membri sono persone fisiche, piccole e medie imprese (PMI), enti territoriali o autorità locali, comprese le amministrazioni comunali, di consumer ubicati nelle prossimità dell’impianto di generazione, che la acquistano a un prezzo calmierato e ne usufruiscono, e prosumer (coloro che producono e distribuiscono l’energia in eccesso) a livello della stessa cabina elettrica. Anche in questo caso, per le imprese private, la partecipazione alla comunità non deve essere l’attività prevalente.

Atteso il decreto CER con gli incentivi

Il nuovo decreto CER, presentato alla Commissione Europea dal Ministro Gilberto Picchetto Fratin a fine febbraio, è in fase di valutazione a Bruxelles e prevede finanziamenti a fondo perduto e tariffe premianti per impianti con potenza non superiore a 1 MW.

A detta del Ministro con il nuovo provvedimento si propone di dare all’Italia una spinta sul fronte delle rinnovabili e dovrebbero crearsi le condizioni per l’apertura di circa 15mila Comunità Energetiche.

La misura presentata alla Commissione Europea per l’entrata in vigore, riguarda tutti i settori dell’energia pulita: fotovoltaico, eolico, idroelettrico e biomasse.

Incentivo in tariffa

La prima proposta contenuta nel decreto è un incentivo in tariffa incentivante sullenergia prodotta e autoconsumata. Chi vorrà associarsi in una configurazione di autoconsumo potrà ottenere una tariffa incentivante sulla quota di energia condivisa da impianti a fonti rinnovabili con un risparmio sui costi dellenergia. La potenza finanziabile è pari a complessivi 5 gigawatt (GW), con un limite temporale fissato a fine 2027 per la richiesta dell’incentivo (che una volta ottenuto avrà durata di 20 anni). L’incentivo è rivolto a tutto il territorio nazionale: dal piccolo comune alla città metropolitana.

Contributo a fondo perduto 

Riguarderà invece solo le comunità energetiche realizzate nei comuni sotto i 5000 abitanti, la misura che permette l’erogazione di contributi a fondo perduto fino al 40% dellinvestimento. L’intervento può riguardare sia la realizzazione di nuovi impianti che il potenziamento di impianti già esistenti: in questo caso la misura è finanziata con 2,2 miliardi di euro del PNRR fino al 30 giugno 2026 e punta a realizzare una potenza complessiva di almeno 2 giga watt e una produzione indicativa di almeno 2.500 gigawattora ogni anno. Chi otterrà il contributo a fondo perduto potrà chiedere di cumularlo con lincentivo in tariffa.

Chi può beneficiare degli incentivi?

Possono beneficiare degli incentivi per le comunità energetiche rinnovabili,  gruppi di cittadini, condomini, piccole e medie imprese, ma anche enti locali, cooperative, associazioni ed enti religiosi: chi sceglierà di associarsi ad una Comunità.

Come accedere agli incentivi?

I gruppi di cittadini, condomini, piccole e medie imprese, enti locali, cooperative, associazioni ed enti religiosi che si assoceranno in una Comunità dovranno:

– individuare sia unarea dove realizzare limpianto con tecnologie rinnovabili che altri utenti connessi alla stessa cabina primaria.

  • creare una CER con un atto costitutivo del sodalizio che abbia come oggetto sociale prevalente i benefici ambientali, economici e sociali. 
  • effettuare una verifica preliminare con il soggetto gestore della misura, il GSE, che potrà verificare preliminarmente l’ammissibilità dei soggetti interessati al fine di garantire la possibilità concreta di accedere ai benefici della misura.
  • Ottenuta lautorizzazione si procede a installare e connettere l’impianto o gli impianti alla rete, per renderlo operativo
  • richiedere l’incentivo al GSE (per il contributo a fondo perduto bisogna tassativamente abitare in un comune sotto i 5 mila abitanti) sul sito www.gse.it entro 90 giorni successivi alla data di entrata in esercizio degli impianti
  • Gli impianti ammessi a questi contributi devono entrare in esercizio entro 18 mesi dalla data di presentazione della richiesta e comunque non oltre il 30 giugno 2026
  • Il Gse aprirà lo sportello per la presentazione delle richieste entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del decreto. Il termine ultimo per la presentazione delle richieste è fissato al 31 marzo 2025, a meno che le risorse disponibili vadano esaurite.

Quali sono i vantaggi delle CER

I vantaggi sono molteplici, in primis sul piano del risparmio in bolletta per gli aderenti alle CER attraverso l’autoconsumo effettivo o i benefici derivanti dalla distribuzione tra i membri delle comunità degli incentivi per le comunità energetiche rinnovabili; inoltre si contribuisce alla produzione di energia da fonti rinnovabili con minori costi dell’energia per cittadini e imprese e si aprono nuove opportunità economiche per i territori coinvolti.

Esistono inoltre altri incentivi ad hoc previsti già nel 2019 dal Milleproroghe e regolati dal decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 16 settembre 2020, che definisce nel dettaglio la tariffa per l’energia autoconsumata.

I vantaggi in dettaglio:
– I partecipanti alle CER beneficiano di un incentivo di Energia condivisa per 20 anni.
– Le fasce di potenza incentivate per il calcolo della tariffa premio applicabile allenergia elettrica condivisa spettante (importo che si aggiunge al valore dell’immissione in rete ai Prezzi Zonali) sono tre:

  • impianti fino a 600 kW la tariffa è composta da un fisso di 60 € per MWh e la tariffa premio non può superare i 100€ per MWh;
  • impianti fino tra 200 kW e 600 kW la tariffa è composta da un fisso di 70 € per MWh e la tariffa premio non può superare i 110€ per MWh;
  • impianti al di sotto o pari di 200 kW la tariffa è composta da un fisso di 80 € per MWh e la tariffa premio non può superare i 120€ per MWh.

Inoltre sono state definite delle correzioni della tariffa premio per impianti fotovoltaici a seconda della zona geografica:

  • 4€ in più per MWh più per le regioni del centro Italia (Lazio, Marche, Toscana, Umbria, Abruzzo);
  • 10 € in più per MWh per le regioni del nord Italia (Emilia-Romagna,, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto).

Per quali spese sono ammessi i contributi?

Le spese per le quali si può beneficiare dei contributi sono: 

  • realizzazione di impianti a fonti rinnovabili (a titolo di esempio: componenti, inverter, strutture per il montaggio, componentistica elettrica, etc.;
  • fornitura e posa in opera dei sistemi di accumulo;
  • acquisto e installazione macchinari, impianti e attrezzature hardware e software, comprese le spese per la loro installazione e messa in esercizio;
  • opere edili strettamente necessarie alla realizzazione dell’intervento;
  • connessione alla rete elettrica nazionale;
  • studi di perfettibilità e spese necessarie per attività preliminari, ivi incluse le spese necessarie alla costituzione delle configurazioni;
  • progettazioni, indagini geologiche e geotecniche il cui onere è a carico del progettista per la definizione progettuale dell’opera;
  • direzioni lavori, sicurezza;
  • collaudi tecnici e/o tecnico-amministrativi, consulenze e/o supporto tecnico-amministrativo essenziali all’attuazione del progetto.
  • Sono finanziabili in misura non superiore al 10% dell’importo ammesso a finanziamento le seguenti spese:
  • spese di autoconusumo individuale di energia rinnovabile a distanza;
  • comunità energetiche rinnovabili realizzate da clienti finali ai sensi dell’art. 31 del 199/2021;
  • configurazioni di autoconusumo per la condivisione dell’energia rinnovabile;
  • potenziamento di un impianto alimentato da fonti rinnovabili.

Qual’è l’importo massimo per il finanziamento?

Le spese di cui sopra citate sono finanziabili in misura non superiore al 10% dell’importo ammesso a finanziamento. Le spese sono ammissibili nel limite del costo di investimento massimo di riferimento pari a:

  • 1.500 € k.W, per impianti fino a 20 kW;
  • 1.200 € k.W, per impianti di potenza superiore a 20 kW e fino a 200 kW;
  • 1.100 € k.W per potenza superiore a 200 k W e fino a 600 kW;
  • 1.050 € k.W, per impianti di potenza superiore a 600 kW e fino a 1.000 kW.

Ricordiamo che bisogna attendere la pubblicazione del decreto per avere certezza degli importi e delle tariffe incentivanti.

Le novità del PNRR 3 per le CER

il Decreto legge sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) 3 pubblicato in Gazzetta Ufficiale (la n. 94 del 21 aprile 2023) ha introdotto importanti novità anche per le Comunità energetiche: l’articolo 16, comma 3-bis, consente all’Agenzia del demanio di costituire comunità energetiche rinnovabili nazionali, anche per impianti superiori a 1 MW, con le Amministrazioni dello Stato o con altre pubbliche amministrazioni centrali o locali. Inoltre la norma dispone che:

  • anche alle associazioni con personalità giuridica di diritto privato si applicano le disposizioni sulle Comunità energetiche rinnovabili (art. 31 d.lgs. n. 199/2021);
  • le modalità semplificate per la concessione di aree per la realizzazione degli impianti a servizio di comunità energetiche rinnovabili finanziati dal PNRR.

Inoltre, è stato rivisto l’impegno massimo di spesa annua cumulata per il riconoscimento degli incentivi alla realizzazione di interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (ai sensi del dm 16 febbraio 2016):

  • aumentato da 200 a 400 milioni di euro in relazione ai benefici riconosciuti alle pubbliche amministrazioni;
  • ridotto da 700 a 500 milioni di euro in relazione ai benefici riconosciuti ai soggetti privati.

Se l’obiettivo del decreto ministeriale di incentivare una potenza installata di 5 GW di energia rinnovabile entro il 2027 viene raggiunto, le comunità energetiche potrebbero produrre una riduzione delle emissioni di CO2 di 1,35 milioni di tonnellate e un beneficio economico compreso tra 1,3 e 1,5 miliardi di euro, con un investimento previsto di 5-7 miliardi di eurosecondo lo studio “Modelli per promuovere le comunità energetiche: un’opportunità per le utilities” condotto da Agici e Accenture.

Il Vademecum di SunCity sulle Comunità Energetiche 

Indipendentemente dal modello, tutte le comunità energetiche sono accomunate da uno stesso obiettivo: lautoproduzione di energia e lautoconsumo come soddisfacimento del proprio fabbisogno energetico, ma anche lottimizzazione dei consumi, cedendo lenergia non autoconsumata alla rete per i consumi degli altri partecipanti alla comunità (energia condivisa), a prezzi accessibili ai membri. Le soluzioni tecniche possono essere molteplici, di conseguenza il sistema normativo e regolamentare è articolato e complesso.

SunCity ha quindi deciso di fornire informazioni utili e operative per chi intende valutare e, auspicabilmente attivare, questa nuova opportunità attraverso un Vademecum sulle Comunità Energetiche Rinnovabili in cui risponde ai quesiti più importanti sulle CER, quali la normativa di riferimento, i limiti tecnici, i vincoli sulle tipologie di aziende/attività che possono accedere alle CER, le differenze tra incentivi previsti per le CER, ed il meccanismo dello scambio sul posto, come viene remunerata l’energia messa in rete e non autoconsumata, e tanti altri ancora.

Il Vademecum SunCity sulle CER è scaricabile qui.

© Riproduzione riservata

Per non perderti i prossimi articoli Iscriviti alla nostra newsletter!

Gratuito e senza impegno, ti cancelli quando vuoi.

Newsletter semplice
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
Questo messaggio è visibile solo agli amministratori.
Problema di visualizzazione dei post di Facebook. Cache di backup in uso.
Errore: Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.
Tipo: OAuthException